approfondimenti

Linkedin per costruire relazioni e business

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Perché hai aperto un account LinkedIn?

LinkedIn da sempre è un social network atipico, vi si arriva con la convinzione – o con la speranza – che succeda qualcosa: cambiare lavoro, trovare clienti, sviluppare personal branding, acquisire credibilità e consenso… questi i principali obiettivi.

Eppure questi sono obiettivi di secondo livello per chi lavora con il profilo personale e non investe un budget cospicuo.

Anzi, oserei dire conseguenze.

Che si realizzano – e si realizzano! – solo dopo aver messo a punto gli obiettivi di primo livello.

Prima di capire quali sono è importante capire cos’è LinkedIn: una community di persone, persone che mettono in comune e in relazione competenze, conoscenze, idee, opinioni, informazioni, stimoli per fare meglio ciò che fanno di lavoro.

Più semplice ancora: LinkedIn è una community di persone in relazione sui temi del lavoro.

Persone, relazione e lavoro sono le parole chiave.

Ma persone e relazione vengono prima di lavoro.

Gli obiettivi di primo livello per essere su Linkedin

Gli obiettivi di primo livello riguardano quindi le persone e le relazioni. 

Trasformare i contatti in relazioni e sviluppare un network di persone, non un insieme di profili collegati al tuo: questo è il presupposto per riuscire poi, a generare anche business, che sia un cambio di lavoro, nuovi clienti o nuovi incarichi.

Per riuscirci prioritario è lavorare sull’atteggiamento con cui si partecipa alla vita di LinkedIn: avere un profilo ben compilato e aggiornato è solo uno dei tasselli necessari.

Creare, curare e alimentare le relazioni attraverso interazioni e contenuti, attraverso una partecipazione viva e attiva, è ciò che ti permetterà non solo di valorizzare la tua presenza su questo social network ma anche di costruire una credibilità e un’autorevolezza sul piano professionale.

Come vedi ci stiamo avvicinando alla terza parola chiave di LinkedIn: lavoro. Business.

Linkedin è uno strumento di lavoro

Il primo suggerimento per lavorare sull’atteggiamento è quello di considerare LinkedIn uno strumento di lavoro. 

Non una perdita di tempo o un luogo di dispersione, guardalo come il posto dove puoi sviluppare e comunicare parte della tua professionalità:

  • uno strumento con cui comunicarti e renderti credibile agli occhi di recruiter, aziende, clienti; 
  • la naturale estensione del tuo Curriculum; 
  • lo spazio dove puoi permettere a chi interagisce con te di vedere cosa c’è dietro l’etichetta del tuo ruolo, dove far emergere te come professionista ma anche come persona;
  • il posto dove aggiornarti e raccogliere informazioni sul mercato del lavoro, sul tuo settore, sulle dinamiche del recruiting o del personal branding.

Linkedin va utilizzato con continuità, rilevanza e generosità

Questi sono i tre driver che devi tenere a mente quando scrivi e interagisci su LinkedIn.

La continuità, una presenza costante e quasi quotidiana, è ciò che ti permette di renderti riconoscibile.

La rilevanza riguarda la qualità dei contenuti che produci che devono avere una forma di utilità e/o interesse per chi ti legge, per le persone a cui vuoi comunicare. Contenuti utili sono contenuti che informano, insegnano, ispirano, semplificano (concetti complessi). 

Generosità (lo insegna bene Max Furia nel suo canale Telegram LinkedIn Content Strategy) è il sentimento che deve guidarti nel tuo lavoro di scrittura: non lesinare, non perderai niente mettendo a disposizione degli altri ciò che sai.

Al contrario, l’effetto positivo sarà duplice:

  • da un lato dimostrerai ciò che conosci e sai fare, rendendoti credibile e autorevole sulle tematiche di tua competenza;
  • dall’altro creerai in chi ti legge fiducia e gratitudine, due sentimenti che avvicinano e che contribuiscono alla costruzione di relazioni professionali.

Linkedin per costruire relazioni e business: l’estratto del nostro webinar

Per riassumerti il tutto abbiamo pensato di metterti a disposizione le slide del webinar che abbiamo tenuto lo scorso 23 Aprile, proprio su questo argomento.

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo su:
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Il notiziario di ConLHub

Periodicamente pubblichiamo dei nuovi contenuti, organizziamo webinar, eventi oppure attività culturali e di networking. Sia online che offline.

Abbonati al nostro notiziario gratuito per non perdere nessuno dei nostri appuntamenti e approfondimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *